Accettarsi in modo incondizionato. Inizia ora

di Flaminia Fazi

Per molte persone la piena accettazione di sé è qualcosa di difficile da ottenere. Si potrebbe addirittura dire che quella con noi stessi è la relazione più complicata che abbiamo! Accettare le parti buone e positive di noi può essere naturale, ma per quanto riguarda il resto? Accogliere se stessi senza riserve significa accettare anche i limiti, le fragilità, le imperfezioni del nostro essere umani. Questa consapevolezza non interferisce con la capacità di sperimentare il nuovo, di mettersi in gioco, di spingersi oltre i confini della nostra zona comfort.

Cambiando il modo in cui pensiamo a noi stessi, cambieremo il modo in cui vediamo il mondo e ci rapportiamo ad esso

Anche la capacità di affrontare con successo il cambiamento è influenzata dall’atteggiamento che pratichiamo verso di noi. Lo psicologo statunitense Carl Rogers lo spiega bene “c’è un curioso paradosso: quando mi accetto per come sono, allora posso cambiare.” Per Rogers l’accettazione è la base del cambiamento. Se non c’è accettazione, non c’è cambiamento. Quindi guardare a chi siamo veramente e conoscere noi stessi è la chiave per crescere ed evolvere come persona. L’accettazione di sé rappresenta dunque un approccio molto potente di auto-miglioramento.

Alcuni suggerimenti per sviluppare livelli più elevati di auto-accettazione:

1. Riconnettiti con il tuo sé intenzionale. Entrare in contatto con la parte più profonda e significativa di noi ci aiuta a sbloccare il nostro il potenziale e attingere ad esso per realizzare il cambiamento desiderato.

2. Smetti di giudicarti e usa un dialogo interiore positivo. Quante volte lasciamo che il nostro “giudice interiore” condizioni i nostri pensieri e le nostre azioni? Succede quando alla sana autocritica prevale il giudizio ricorrente e severo verso se stessi. Un giudizio che ci svaluta, ci blocca, enfatizzando le nostre insicurezze. È così difficile trattarsi con amore e compassione? Per ritrovare l’equilibrio interiore occorre darsi la possibilità di sbagliare, di ripartire dai propri errori, rinunciando all’idea che tutto debba essere perfetto.

3. Lascia andare il passato. Spesso le nostre debolezze sono soltanto ferite del passato che ci impediscono di guardarci dentro. Affrontarle è l’unico modo per guarire e lasciarle andare.

4. Identifica e celebra i tuoi successi. Riconosci a te stesso/a che stai facendo un ottimo lavoro, che ti impegni a dare il meglio di te. Un esercizio prezioso consiste nel fare un inventario di te: metti l’accento sulle tue qualità positive, prendi l’abitudine a complimentarti per i piccoli e grandi successi che ottieni ogni giorno. Quali sono le capacità che ti distinguono? Quali le cose che spiegano il tuo successo nella professione e nella vita personale? Impegnati a costruire una percezione più realistica e positiva di te.

5. Impara anche dai fallimenti. Tendiamo a vedere i nostri successi come buoni e gli insuccessi come qualcosa da evitare o dimenticare. Alleniamoci a cogliere la vita nella sua interezza. Il nostro traguardo più grande sarà imparare ad essere più resilienti per adattarci, reagire e reinventare positivamente la nostra vita.

Tutti gli articoli

Alleati delle nostre Emozioni

di U2COACH

Chiudi gli occhi per un istante. Riesci a sentire le emozioni che stai provando in questo momento? Sai descriverle? Potresti sentir affiorare la preoccupazione per la prossima riunione, oppure la gioia per aver finalmente portato al termine quel progetto a cui tieni tanto. Spesso le emozioni si…

leggi di più

Applica la neuroscienza alla tua efficacia di coach

di Flaminia Fazi

“Devi imparare non solo l’arte di ascoltare la tua testa, devi anche diventare un maestro nell’ascolto del tuo cuore e della la tua pancia.” Carly Fiorina A volte quando inizio un percorso di coaching, anche se il coachee è motivato a farlo, arriva un momento in cui…

leggi di più

Leadership autentica o pseudo-leadership?

di Flaminia Fazi

Ogni leader che si rispetti ha enormi responsabilità. Deve essere abile nell’ispirare e motivare gli altri, nel creare una visione comune, nel valorizzare la creatività e l’iniziativa personale dei propri collaboratori, deve avere un mindset flessibile e coerente, che sappia esplorare modi diversi di affrontare…

leggi di più