Il Mentoring per crescere come coach professionista

di U2COACH
Le migliori 10 domande per un mentoring efficace e l’adattamento al Modello di Coaching Trasformazionale di Tony Robbins

Per guidare efficacemente qualcuno che vuole rafforzarsi nella sua professione come coach, è fondamentale fare domande per stimolare una riflessione sulle motivazioni, i punti di forza, le aree di crescita e sulla visione complessiva.Ecco dieci domande significative che possono attivare considerazioni utili e fornire spunti interessanti:

1. Qual è il tuo obiettivo?
Qual è il risultato specifico che vuoi creare nella tua carriera di coach?”

2. Qual è il tuo perché?
Perché vuoi diventare/essere un coach? Cosa ti motiva a perseguire questa professione?”

3. Quali sono i tuoi valori fondamentali?
Quali valori guideranno la tua pratica di coaching e come influenzeranno le tue decisioni e interazioni con i clienti?

4. Quali punti di forza unici porti nel coaching?
Quali abilità, esperienze o qualità ti distinguono come coach?

5. Quali aree hai bisogno di sviluppare?
Quali competenze o conoscenze ritieni di dover migliorare per diventare un coach efficace?

6. Chi è il tuo cliente ideale?
Chi vuoi servire come coach e quali specifici bisogni o sfide hanno?

7. Quali strategie utilizzerai per attrarre clienti?”Come puoi potenziare la tua strategia commerciale per ampliare la tua base di clienti?

8. Come misurerai il successo?
Quali metriche o indicatori utilizzerai per determinare la tua efficacia e i tuoi progressi come coach?

9. Quali ostacoli potresti affrontare e come li supererai?
Quali potenziali sfide prevedi nel tuo percorso come coach e quali strategie hai in atto per affrontarle?

10. Qual è la tua visione per il futuro?
Dove vedi te e la tua pratica di coaching nei prossimi cinque-dieci anni?

 

Queste domande sono sviluppate sulla base del Modello di Coaching Trasformazionale di Tony Robbins, che pone attenzione su identità, credenze, valori, competenze e obiettivi per promuovere trasformazione, crescita olistica, e creare cambiamenti duraturi e significativi nella vita delle persone.

Ecco una panoramica dei componenti chiave del modello:
Identità: questa fase implica aiutare le persone a scoprire e comprendere le loro convinzioni, valori e idee di sé stesse fondamentali. Esplorando la loro identità, le persone acquisiscono intuizioni su ciò che guida le loro azioni e decisioni.

Credenze: le credenze influenzano il modo in cui le persone percepiscono sé stesse e il mondo che le circonda. Il modello incoraggia le persone a identificare e sfidare le credenze limitanti che potrebbero impedirgli di raggiungere il loro pieno potenziale.

Valori: i valori sono i principi guida che influenzano le decisioni e le azioni. I mentor lavorano con i clienti per chiarire i loro valori e allinearli con i loro obiettivi e aspirazioni.

Regole: queste sono le linee guida e i criteri interni che le persone usano per prendere decisioni e valutare le esperienze. Il modello aiuta le persone a scoprire e modificare le regole non utili che potrebbero ostacolare i loro progressi.

Emozioni: le emozioni giocano un ruolo significativo nel comportamento e nel processo decisionale. I mentor aiutano i clienti a gestire le loro emozioni, spostare gli stati emotivi negativi e sviluppare l’intelligenza emotiva.

Competenze: sviluppare nuove competenze o affinare quelle esistenti è cruciale per la crescita personale e professionale. Il modello enfatizza lo sviluppo delle competenze in aree rilevanti per gli obiettivi della persona.

Risorse: l’approccio di Robbins enfatizza lo sfruttamento delle risorse e degli asset esistenti per raggiungere i risultati desiderati. Questo può includere il ricorso ai punti di forza, alle reti e al supporto esterno.

Comunicazione: una comunicazione efficace è fondamentale per costruire relazioni e raggiungere obiettivi. I mentor aiutano i coach a migliorare le loro capacità comunicative, sia con sé stessi che con gli altri.

Relazioni: le relazioni giocano un ruolo centrale nel benessere generale. Il modello si concentra sul miglioramento delle relazioni, sulla definizione di confini sani e sulla promozione di connessioni significative.

Ambiente: l’ambiente in cui le persone si trovano può influenzare il loro successo. I mentor aiutano i clienti a creare ambienti che supportino i loro obiettivi e aspirazioni.

Obiettivi: definire obiettivi chiari e coinvolgenti è essenziale per promuovere il progresso e la crescita. Il modello guida le persone nella definizione di obiettivi specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e limitati nel tempo (SMART).

Azioni: compiere azioni coerenti e intenzionali è fondamentale per creare cambiamenti. Il modello aiuta le persone a identificare i passaggi concreti e a sviluppare strategie per implementarli.

Guidando le persone attraverso queste fasi interconnesse, il modello mira a rafforzarle per superare le sfide, sbloccare il loro potenziale e raggiungere i risultati desiderati.

Mentoring e Modello di Coaching Trasformazionale

Quando il mentee è un coach l’intervento di mentoring combinato al Modello di Coaching Trasformazionale di Tony Robbins può essere estremamente efficace. Ciò richiede un focus particolare su aspetti chiave che aiuteranno il coach a crescere sia professionalmente che personalmente.

Tutti gli articoli

Il Mentoring per crescere come coach professionista

di U2COACH

Le migliori 10 domande per un mentoring efficace e l’adattamento al Modello di Coaching Trasformazionale di Tony Robbins Per guidare efficacemente qualcuno che vuole rafforzarsi nella sua professione come coach, è fondamentale fare domande per stimolare una riflessione sulle motivazioni, i punti di forza, le aree di…

leggi di più

La motivazione e il potere dei rituali 

di U2COACH

Quali forze guidano la tua motivazione?  Come puoi sostenere la spinta all’azione in ciò che vuoi realizzare? Spesso il sogno di realizzare obiettivi ambiziosi inizia con grande passione ed entusiasmo. Una spinta propulsiva ci fa da guida, e immaginiamo già la soddisfazione di aver raggiunto la vetta….

leggi di più